Annunci‎ > ‎

Dove va la democrazia? "Democrazia o tecnocrazia?"

pubblicato 7 nov 2016, 01:42 da Giulio Frate   [ aggiornato in data 17 nov 2016, 07:18 ]

Venerdì 18 novembre, alle ore 21.00, all’Auditorium Aldo Moro, si conclude il ciclo “Dove va la democrazia?” con l'intervento di  Giangiuseppe Pili, ricercatore in epistemologia dell’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, che parlerà sul tema “Democrazia o Tecnocrazia?”


La democrazia è una forma di governo che prevede e richiede l'uso della conoscenza. Essa è sempre la forma di governo più efficace? Esistono alternative che sembrano più promettenti da un punto di vista epistemico? Inoltre, ogni forma di democrazia sembra ugualmente promettente e si può parlare di un modello generale di forma democratica di governo? L'intervento si focalizzerà, dunque, su una chiarificazione generale della democrazia dal punto di vista epistemico e, allo stesso tempo, su alcune proposte alternative alla forma di governo democratica, ovvero cercheremo di delineare i contorni di un approccio tecnocratico. Infine, cercheremo di fornire un bilancio e rispondere così alla domanda cruciale: la democrazia in crisi vince la sfida lanciata dalla tecnocrazia?

 

Giangiuseppe Pili, nato a Cagliari nel 1986, svolge il dottorato in Filosofia presso l'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, dove è cultore della materia (epistemologia). Si occupa di teoria della conoscenza individuale e sociale, di democrazia in condizioni di conflitto, di strategia e intelligence.

Tra i vari volumi, ha pubblicato la monografia “Filosofia pura della guerra” (Aracne, 2015) e diversi articoli su riviste di settore, di cui uno su Sun Tzu.

Tra le sue molte passioni, ha sempre coltivato l'amore per il cinema, per la musica classica e per gli scacchi.

E' il fondatore del blog www.scuolafilosofica.com, uno dei più vasti e seguiti portali filosofici in Italia.
È socio di diverse società, tra le quali è membro della Società Italiana Filosofia Analitica (SIFA), della Società Italiana Storia Militare (SISM) e della International Studies Association (ISA).


 

Comments